Dalla gran tempesta di Defoe a FitzRoy, capitano di Darwin

Dalla gran tempesta di Defoe a FitzRoy, capitano di Darwin

Ne II conte di Montecristo Alexandre Dumas racconta la rocambolesca evasione di Edmond Dantès: rinchiuso dentro il sudario preparato per il cadavere dell’abate Faria, il protagonista di uno dei più bei romanzi ottocenteschi viene scaraventato in mare da due becchini troppo pigri per seppellirlo. Così vola giù dallo strapiombo del castello di If, poi come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.