Dal Tesoro alla Cdp, braccio di ferro sulle nomine di Stato

Il dg del Tesoro scelto dal ministro dell’Economia non piace ai 5Stelle. E così lo scontro si ripercuote sulla Cassa depositi
Dal Tesoro alla Cdp, braccio di ferro sulle nomine di Stato

Altro che migranti e decreto Dignità. Al momento sono le nomine di sottogoverno ad agitare l’esecutivo giallo-verde. Lo scontro è sui vertici del Tesoro e della pubblica Cassa Depositi e Prestiti (Cdp) su cui è in atto un braccio di ferro dall’esito incerto fino all’ultimo, in una partita a incastri tra 5Stelle, Lega e il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.