Dal ghetto ai Tulliani: la destra post-missina muore a Montecarlo

Le carte su Fini - Nell’ordinanza per l’arresto del cognato, i fasti di un mondo dapprima sdoganato da B. infine crollato
Dal ghetto ai Tulliani: la destra post-missina muore a Montecarlo

Racconta Amedeo Laboccetta in un interrogatorio del 2 marzo scorso: “Ricordo che accompagnai Giancarlo Tulliani al nostro consolato italiano a Montecarlo e lo presentai al console come il cognato del presidente della Camera”. Il Cognato. Alias Giancarlo Tulliani, fratello di Elisabetta. E la Presidenza della Camera. La terza carica dello Stato. La più alta ricoperta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.