Dal dialogo alla Venere: due modi per dire Milo

Dal dialogo alla Venere: due modi per dire Milo

“Alla fineè come se il paesaggio avesse vinto sulla storia”. Dalle singolari vicissitudini della statua della dea della bellezza giunta a Parigi per eccitare la “agalmatofilia” (amore per le statue) di giardinieri e visitatori, alla discussione nelle pagine di Tucidite con gli ateniesi che ne chiedevano l’appoggio nel 416 a.C. e che vedendoselo negare scatenarono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.