Dal 4 marzo il Parlamento procede al rallentatore

Camera e Senato insediati il 23 marzo: solo 72 votazioni. Commissioni formate dal 21 giugno, tre giorni fa 1.057 interrogazioni depositate. Nel 2013 andò allo stesso modo. Effetto da fine del bipolarismo
Dal 4 marzo il Parlamento procede al rallentatore

Oscurato dalle iperboli verbali quotidiane di alcuni dei ministri chiave del governo giallo-verde di Giuseppe Conte, da quasi quattro mesi è in carica un nuovo Parlamento. Finora però, complice la lunga crisi politica che ha portato alla formazione dell’esecutivo – 89 giorni, mai nella storia dell’Italia repubblicana era passato tanto tempo tra le urne e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.