Dai giardinieri alle hostess (gratis): lo scuola-lavoro fa felici le aziende

Con la riforma del governo, l’“alternanza” dovrebbe formare 1,5 milioni di studenti al lavoro Ma è trattata come una fastidiosa incombenza. Tra proposte improbabili, i furbetti ne approfittano
Dai giardinieri alle hostess (gratis): lo scuola-lavoro fa felici le aziende

Martedì 12 luglio. Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, è in Sicilia con il sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone (Pd). È l’occasione per parlare dell’alternanza scuola-lavoro, al primo posto nelle slide di Matteo Renzi nel giorno della presentazione della riforma della “Buona Scuola”. “Dobbiamo ridurre la disoccupazione”, disse il premier. Oggi, Poletti racconta che l’alternanza è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.