Dacia racconta a Concita i suoi ricordi “senza tempo”

Dacia racconta a Concita i suoi ricordi “senza tempo”

“La mia memoria mi ha sempre fatto dannare. È libera. Va e viene quando le pare, e mi porta doni straordinari”. Dacia Maraini lo ripete a Concita De Gregorio, nel libro, edito da Rizzoli, Non chiedermi quando. Eppure, dalla conversazione con la giornalista di Repubblica emerge un duplice ritratto: quello di una donna di grande […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.