Da Uber a Facebook: è allerta privacy in Europa

In Italia sottratti dati a 295 mila, tra utenti e autisti. A maggio arriva il nuovo (controverso) regolamento Ue

Privacy: un mese fa veniva data la notizia del furto di dati di 57 milioni di utenti di Uber in tutto il mondo. Oggi sappiamo che tra questi c’erano 295 mila italiani, tra autisti e utenti: nome, indirizzo email e numero di cellulare. “Gli esperti esterni della polizia scientifica – si legge in una nota […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.