Da Torino a Roma, il vizio dell’autografo finto

Taroccatori - Cota, Formigoni, Polverini: si salvano quasi tutti, poi fanno la morale agli altri
Da Torino a Roma, il vizio dell’autografo finto

Dove qualche magistrato è andato a ficcare il naso, ha trovato firme false e liste elettorali presentate con documentazione irregolare. Oggi l’attenzione è concentrata su Bologna e la Sicilia (Cinquestelle). Ieri è successo in Lombardia con la lista di Roberto Formigoni (Ncd), in Piemonte con quella di Roberto Cota (Lega), nel Lazio con Renata Polverini […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.