Da “Tempa Rossa” ai consulenti amici: il ritorno di Cozzoli

Quei legami professionali che arrivano a Conte. Il vicepremier Cinquestelle si affida all’usato sicuro e sceglie come capo di gabinetto l’uomo che lo fu con Federica Guidi
Da “Tempa Rossa” ai consulenti amici: il ritorno di Cozzoli

Al super ministero dello Sviluppo Luigi Di Maio avrebbe voluto come capo di gabinetto uno dei professori che gravitano intorno ai Cinque Stelle, ma dopo l’accordo con la Lega si sono allontanati quasi tutti. Di Maio ricorre quindi all’usato sicuro: Vito Cozzoli, barese di 53 anni, docente di Diritto pubblico a Bari e Diritto industriale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.