Da Londra l’anti-folk dei Treetop Flyers

Con un nome preso in prestito da una canzone del celebre chitarrista Stephen Stills, componente del supergruppo Crosby Stills Nash & Young, i londinesi Treetop Flyers arrivano al loro terzo disco, omonimo, indovinando pienamente le coordinate di un sound che recupera la memoria storica di un certo rock americano tradizionalista, quello della West Coast, e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.