“D.G., prete condannato a parlarci ancora”

Michele Riondino Al Teatro Carcano di Milano con le parole di don Gallo e le musiche di De André
“D.G., prete condannato a parlarci ancora”

DG., il nostro personaggio, non è affatto un santo. È solo un ex prete passato – per sua fortuna e nostra sfortuna – a miglior vita. Né in Paradiso né all’inferno, ma in una specie di limbo cui è stato più o meno benevolmente condannato dalle gerarchie ecclesiastiche che mal lo sopportavano: condannato a continuare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.