Cuperlo dice Sì, la minoranza dem si spacca. E adesso rischia pure B.

Legge elettorale - L’ex dissidente firma il documento per cambiare l’Italicum
Cuperlo dice Sì, la minoranza dem si spacca. E adesso rischia pure B.

Come sono lontani i giorni in cui Gianni Cuperlo non risparmiava una virgola a Matteo Renzi. Quando gli diceva “non sei all’altezza, sei un capo arrogante” (4 aprile) o lo invitava a “uscire dal talent” (4 luglio) oppure quando minacciava: “Se non ci sarà un accordo sull’Italicum voterò No al referendum e un minuto dopo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.