Csm, la vera riforma che nessuno vuole

L’attuale Csm è (finalmente) entrato nel quarto e ultimo anno di attività e nulla lascia intravedere un intervento normativo che elimini o riduca la oramai acclarata degenerazione correntizia e la politicizzazione dell’organo che ha assunto nell’attuale Consiglio dimensioni sempre più allarmanti. Già il precedente Consiglio si era caratterizzato per una vicepresidenza “politica” per essere l’on. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.