Csm, cosa insegna il caso Finocchiaro

Sembra che, finalmente, il buon senso inizi a far breccia nelle “ovattate” stanze del Palazzo dei Marescialli. Il 6 giugno il Csm, su richiesta del ministro di Giustizia, ha collocato al ministero, non in posizioni apicali, due magistrate, veterane della politica, Anna Finocchiaro e Doris Lo Moro, non ricandidate alle scorse elezioni. Ha aderito, così, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.