Croce, Gandhi, D’Annunzio: i libri del detenuto Gramsci

Processione rossa: nell’Ottantesimo della morte, una mostra a Montecitorio con gli originali dei “Quaderni” e i volumi in cella
Croce, Gandhi, D’Annunzio: i libri del detenuto Gramsci

A ciascuno il suo Gramsci. Riformista e europeista oppure comunista e rivoluzionario. Roma, in mattinata. Nel bellissimo cimitero acattolico, lungo il viale che da Testaccio conduce al Porto Fluviale. Il cielo è grigio, piovoso. Ottant’anni fa, Antonio Gramsci morì alle 4 e 40 del mattino nella clinica Quisisana, nella Capitale. Emorragia cerebrale. Era il 27 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.