Crac, Consob sapeva più di quello che ammette

Nelle carte depositate le lettere di Bankitalia sui veri conti dell’istituto di Arezzo
Crac, Consob sapeva più di quello che ammette

Nel continuo rimpallo di responsabilità tra autorità di vigilanza su chi ha mentito ai risparmiatori, ogni tanto c’è qualche colpo di scena. Come quello che emerge da carte depositate in Commissione banche: sono le lettere di Bankitalia alla Consob nel dicembre 2013, quando la Popolare dell’Etruria stava chiedendo ai risparmiatori 200 milioni di euro, 100 […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.