“Così nascono gli attentati. Lo scrivo, ma non lo firmo”

Uno scrittore, uno pseudonimo e il timore di ritorsioni
“Così nascono gli attentati. Lo scrivo, ma non lo firmo”

  Il manoscritto de “La colpa” è capitato nelle mani di uno scrittore italiano e, attraverso di lui, a quelle di un editor. Racconta la storia di un ragazzo egiziano che, al culmine di una crisi personale, decide di farsi esplodere a Milano. Nessuno sa chi l’abbia scritto, neanche la casa editrice, DeA Planeta, che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.