Così l’Europa impressionò gli Stati Uniti

Così l’Europa impressionò gli Stati Uniti

Proprio come il brillante avvocato e rampollo newyorchese Newland Archer de L’età dell’innocenza di Edith Wharton, sono molti i ricchi negli Stati Uniti nella seconda metà dell’Ottocento, figli della Gilded Age (l’età dorata). Le giovani ereditiere soprattutto, ma anche i facoltosi giovanotti, partono per l’Europa in cerca di squattrinati nobili da sposare (e mantenere) per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.