Così le aziende aggirano la legge per scartare i lavoratori disabili

In barba alle norme che prevedono l’assunzione obbligatoria, i datori non prendono categorie protette o scelgono “i più sani”. Con il Jobs act è ancora più difficile
Così le aziende aggirano la legge per scartare i lavoratori disabili

Ci sono scale?” “Sì, perché?” “Sono in carrozzina” “Come non detto”. Così Giacomo Di Foggia, 31 anni, è stato scartato dal potenziale datore di lavoro che l’aveva chiamato perché “impressionato dal suo curriculum” – racconta Nina Daita, Responsabile dell’Ufficio Handicap della Cgil nazionale. Storie di ordinaria discriminazione e disoccupazione. La crisi infatti si è abbattuta […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora


entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.