Corte d’Appello contro pm: “’Ndranghetisti non si è a vita”

Corte d’Appello contro pm: “’Ndranghetisti non si è a vita”

La Corte d’appello di Milano smentisce l’Antimafia. Sì perché se secondo il procuratore aggiunto Ilda Boccassini “la mafiosità sta nel Dna” e “dalla ‘ndrangheta si esce solo con la morte”. Per i giudici di secondo grado invece chi nasce ‘ndranghetista non muore ‘ndranghetista. Tradotto: dalle cosche è possibile uscire. L’assunto emerge chiarissimo da una sentenza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.