“Corsa agli sportelli e zero liquidità”, quando l’istituto aretino rischiò di fallire di nuovo

“Good bank” - Nicastro rivela a Napoletano l’effetto dello scandalo politico di fine 2015
“Corsa agli sportelli e zero liquidità”, quando l’istituto aretino rischiò di fallire di nuovo

Banca Etruria ha rischiato di fallire due volte. Anche dopo che il governo Renzi l’aveva “salvata” con il decreto del 26 novembre 2015, spostandone quel che rimaneva in una “good bank” e mandando in risoluzione il resto, con azionisti e obbligazionisti subordinati azzerati. Lo stesso trattamento riservato a CariChieti, Banca Marche e CariFerrara. Anche la […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.