Corrotti e corruttori, si balla il solito tango

Tra scandali e arresti, nel paese latino si riapre una vecchia ferita con una nuova inchiesta: il governo appena insediato è finito nei “Panama papers”
Corrotti e corruttori,  si balla  il solito  tango

Quando lo scorso anno l’ingegnere Mauricio Macri vinse inaspettatamente le elezioni Presidenziali e ancor più allorchè la candidata del suo partito, Cambiemos, Maria Eugenia Vidal, altrettanto sorprendentemente sbaragliò il kirchnerista Anibal Fernandez nella corsa per la poltrona di Governatore dell’importantissima provincia di Buenos Aires, la più popolosa del Paese, si è intesa la forte richiesta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.