» Commenti
martedì 11/09/2018

Convenienze e sentimenti dell’Italia che ama il Capitano

Convenienze e sentimenti dell’Italia che ama il Capitano

“Odiano la Lega perché vola”: questo ieri un titolone di Libero, che però si potrebbe anche leggere al contrario. Ovvero: amano la Lega perché vola. Sulla indiscussa capacità di Matteo Salvini di essere enormemente divisivo, e dunque popolarissimo, è stato scritto (quasi) tutto. Sulla natura dei suoi odiatori e dei suoi amatori (spesso incontenibili) forse c’è qualcosa da scandagliare.

Una sintesi illuminante di questi due mondi in aspro conflitto la troviamo in una lettera pubblicata sull’ultimo numero dell’Espresso, a firma Gaia Santolin. Che a 19 anni manifesta “sconforto e disagio” quando sente i ragazzi della sua età dire che “la Diciotti andava lasciata in mare per sempre”. O che “siamo invasi e diventeremo tutti neri”. Scrive la giovane lettrice (di Treviso, appena iscritta a Giurisprudenza) che se azzarda un riferimento alle leggi razziali del 1938, i suoi coetanei replicano che “Mussolini ha fatto anche tante cose buone”. E se osa citare la Costituzione viene bloccata da due argomenti decisivi: “È stata scritta da quattro deficienti” e “andrebbe tutta rivista”. Alla curatrice della rubrica, Stefania Rossini, Gaia ha descritto questi ragazzi come “persone generose e generalmente aperte”. Perfino con qualcuno che a marzo “ha votato a sinistra” sentendosi poi tradito e non più rappresentato. Conclusione della Rossini: i giovani non trovano più un’offerta politica che li tenga ancorati alle istanze migliori della convivenza civile e si abbandonano alle proposte muscolari di un leader carismatico. Conclusione di questo diario: giusto, ma per dire simili desolanti bestialità non occorreva fare il liceo.

Pur non avendo mai odiato nessuno, chi scrive vorrebbe (come Gaia e tanti altri) che l’Italia non affogasse nella montante marea nera, assieme a migranti e magistrati. E pur tuttavia rimane sinceramente colpito dall’entusiasmo di tanti giornali e giornalisti nel trattare le gesta del Capitano assiso sul Carroccio. Sere fa, per esempio, abbiamo nutrito qualche apprensione per il bravo collega Mario Giordano – autore di battaglieri libri di successo come Vampiri e Avvoltoi, dedicati alle malversazioni e agli abusi di chi ci governava fino a tre mesi fa. Apparso in tv, da Barbara Palombelli, letteralmente sgomento dinanzi al sequestro dei 49 milioni (truffa ai danni dello Stato e dunque degli italiani) deciso dai giudici di Genova nei confronti della Lega. Un provvedimento che potrebbe impedire al partito in testa ai sondaggi di fare politica (anche se l’astuto Giorgetti non esclude la nascita di una Lega bis).

Chissà se Giordano avrebbe avuto questa stessa reazione se, per esempio, analogo sequestro fosse stato disposto nei confronti delle belve rapaci del Pd. Quanto all’analogia tirata in ballo con quanto accadde alla Margherita di Rutelli, si potrebbe obiettare che la Lega di Bossi e Belsito ha consentito una truffa a vantaggio del partito. Mentre il tesoriere Lusi incamerò fior di quattrini ai danni del partito. Osservazioni probabilmente inopportune. Poiché esiste una parte importante dell’informazione che al di là di tutto (e senza necessariamente piaggerie) ritiene il ministro degli Interni l’unica salvezza per l’Italia (così come esiste un’altra parte che vede in lui i prodromi del risorgente fascismo). Insomma, al cuor non si comanda.

Domenica sulla Lettura del Corriere della Sera, a proposito dei semidei passati e presenti, Alessandra Tarquini ha ricordato ciò che scriveva, atterrito, nel suo diario il ministro dell’Educazione Giuseppe Bottai immaginando di separarsi da Mussolini: “Ora sono solo senza il mio Capo. Ora so cos’è la paura: un precipitare improvviso d’una ragione di vita”. Parole che ci sovvengono pensando a certe prime pagine disperate. Come: “Vogliono uccidere Salvini”: titolo apparso sul Giornale dove fortunatamente l’imminente assassinio era annunciato in punta di metafora. Anche se il mio preferito resta: “I rumeni ci rubano il pesce” (Libero): allegoria fulminante di un Paese lasciato dai buonisti radical-chic alla mercé delle orde predatrici. Perché in definitiva il salvinismo, senza se e senza ma, può anche rispondere alle legittime convenienze di un non florido mercato editoriale: restare nella scia di un Capo che naviga con il vento (e le copie) in poppa. Ma il motore che tutto muove è sempre prettamente sentimentale. Infatti, l’amore per Salvini e l’odio per la sinistra sono la stessa cosa.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Accusati di omicidio in India

Il ministro Trenta incontra i due marò: “Paese sia compatto”

“Il Paese si mostri compatto attorno ai nostri due fucilieri di Marina”. A poco più di un mese dall’avvio delle udienze al Tribunale dell’Aia che dovrà decidere sul caso, il ministro della Difesa Elisabetta Trenta ha incontrato i due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone per esprimere loro “la vicinanza di questo governo e di tutto il Paese”. I due marò sono stati dunque ricevuti a Palazzo Baracchini dal ministro, che ha definito quel 15 febbraio del 2012 – quando Latorre e Girone sono stati accusati di aver ucciso due pescatori indiani nel corso di una missione antipirateria – un giorno “da tenere a mente”, perché “è il giorno in cui inizia un calvario”. Al termine di un complicato braccio di ferro diplomatico tra Roma e New Delhi, la Corte Suprema indiana ha accordato nel 2016 la possibilità per i due fucilieri di rimanere in Italia per la durata del procedimento arbitrale, con la concessione della libertà su cauzione. Ma “dopo quasi 7 anni – ha aggiunto la Trenta – la loro storia non è finita. Il 22 ottobre si aprirà l’arbitrato davanti ai giudici dell’Aia”. Per la sentenza, i due marò – rientrati in Italia nel 2014 (Latorre che era stato colpito da un ictus) e nel 2016 (Girone) – dovranno attendere la primavera 2019.

Vignette

fatto a mano del 11/09/2018

Politica

Diciotti: presto gli interrogatori, anche Salvini

Commenti

Mail Box

Commenti
Il sabato del villaggio

Le “larghe intese” e il trionfo del partito-azienda

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×