Controlli sulle mail del lavoratore, la Corte Ue dice sì

Controlli sulle mail del lavoratore, la Corte Ue dice sì

La Corte europea dei diritti umani fissa i paletti entro i quali il datore di lavoro può sorvegliare le comunicazioni sul web dei propri dipendenti, prevedendone anche il licenziamento, se usano Internet per fini personali. La Corte ha condannato la Romania per non aver difeso a sufficienza i diritti del lavoratore licenziato. Secondo Strasburgo, i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.