Contro format e pensiero unico in tv

Contro format e pensiero unico in tv

Si chiama ‘M’ il nuovo programma televisivo di Michele Santoro e, questa volta, la sua avventura consisterà nel portare nelle case dei telespettatori il teatro d’inchiesta. Un progetto sperimentale, che coinvolgerà allo stesso tempo cinema, teatro e tv. Il nome, ‘M’, si ispira al film di Fritz Lang sul mostro di Dusseldorf e la prima […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.