Contratto “bulgaro” e turni massacranti

Pianeta logistica - La concorrenza in tempo di crisi significa zero tutele e poca sicurezza
Contratto “bulgaro” e turni massacranti

Turni massacranti di 12 ore al giorno, aggrappati al volante o a spostare centinaia di colli in magazzino, pagati poco e alla giornata. Tutele, Tfr, tredicesima, ferie pagate sono solo un miraggio per i tanti cottimisti che lavorano per la Gls attraverso il subappalto alle coop. “Facciamo tra le 80 e le 90 consegne al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.