Contestare, diritto sacrosanto del tifoso deluso

Il portiere non rinnova, i milanisti lo irridono e gli lanciano banconote false. Tutto nella norma, per fortuna. Il tifo non può e non deve essere politicamente corretto
Contestare, diritto sacrosanto del tifoso deluso

Primo novembre 1992. L’appuntamento è in piazza Castello a Torino, da dove partiranno i pullman. C’erano ancora le trasferte senza la tessera del tifoso e c’era addirittura ancora la nebbia. Un gruppo di diciottenni, a bordo della macchina del distinto padre di uno di loro, transita per ciò che resta del mercato di Porta Palazzo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.