Conte, c’è la seconda fiducia: numeri ampi e qualche gaffe

Ora è in carica - Alla Camera la maggioranza è solida: 350 sì, 236 no. Il premier però non è brillante e inciampa spesso: Di Maio fa da badante, Salvini resta solo pochi minuti
Conte, c’è la seconda fiducia: numeri ampi e qualche gaffe

L’esordio di Giuseppe Conte alla Camera non è brillantissimo: si perde il foglio con la scaletta del discorso. Resta in silenzio per quasi un minuto di fronte al microfono sollevato, con la luce rossa accesa, rovistando freneticamente tra i fogli sulla scrivania. Lo soccorre Luigi Di Maio, seduto alla sua destra: non è l’immagine migliore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.