» Politica
sabato 16/12/2017

Banca Etruria, Consoli conferma: “Andai ad Arezzo per incontrarla”

Marzo 2014 - L’ex Ad di Veneto Banca prova quanto scritto dal “Fatto”: Maria Elena presenziò a un colloquio tra banchieri a casa del padre

“La memoria non è nitida ma qualcosa ricordo”. L’ex amministratore delegato di Veneto Banca Vincenzo Consoli la tocca piano. Non vuole entrare in rotta di collisione con il Pd che ha il suo stesso nemico principale, la Banca d’Italia. Ma non vuole tradire il ruolo che ha scelto, l’imputato che si difende accusando in modo lineare e documentato. Così, quando il senatore M5S Gianni Girotto gli chiede dell’incontro a casa Boschi a Laterina, racconta alla commissione d’inchiesta sulle banche tutto (o quasi) quello che ricorda, coincidente con quanto rivelato dal Fatto sette mesi fa senza che mai Maria Elena Boschi abbia commentato.

Era il marzo 2014, il governo Renzi si era insediato da pochi giorni, e Veneto Banca condivideva con Banca Etruria la stessa amarezza: una lettera del governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco quasi uguale (il 6 novembre 2013 a Montebelluna, il 3 dicembre ad Arezzo) che ordinava di fondersi al più presto con l’ormai proverbiale “partner di adeguato standing” (cioè la Popolare di Vicenza di Gianni Zonin) e di andarsene. Il presidente di Veneto Banca Flavio Trinca conosceva bene quello di Etruria, Giuseppe Fornasari, ex deputato Dc come lui. Racconta Consoli: “Trinca chiamò Fornasari. Mi disse di andare ad Arezzo a vedere come se la cavavano. Aggiunse: può darsi che si possa incontrare il ministro”. Infatti per l’incontro Fornasari sceglie la casa di un consigliere di Etruria, Pier Luigi Boschi, la cui figlia Maria Elena era appena diventata ministro delle Riforme. “Arrivati a casa Boschi cominciammo a parlare delle nostre vicissitudini. Poi arriva il ministro, ci saluta, dice di continuare pure a parlare, ascolta per un quarto d’ora senza fiatare e se ne va. Io e Trinca siamo andati a pranzo con Fornasari, mangiando bene”.

L’esito della missione è deludente: “La Boschi non l’ho mai più vista né sentita. Il nostro cda poche settimane dopo è stato mandato a casa, di loro è saltato solo Fornasari”. Invece Boschi padre diventa vicepresidente di Etruria il 4 maggio 2014. Consoli, uscito dal cda ma rimasto in banca come direttore generale, rimane in contatto con Pier Luigi Boschi. Gli inquirenti intercettano una telefonata tra i due il 3 febbraio 2015. “Mi ricordo”, racconta alla commissione, “che il governo aveva appena fatto il decreto legge per la trasformazione in società per azioni delle banche popolari, io volevo incontrare Renzi per dirgli di stare attento, una riforma in tempi così brevi per strutture con cent’anni di storia…”. Prima Consoli si consiglia con il direttore della sede di Firenze di Bankitalia Vincenzo Umbrella. “Ho chiesto a diverse persone di farmi incontrare Renzi, però non riesco”. Umbrella non esita: “Chiedilo tramite lui (Boschi padre, ndr), perché lui sta in presa diretta”. Gli spiega che Boschi padre è lo snodo decisivo per dialogare con il governo: “Tu quando gliel’hai detto a Pier Luigi (Boschi, ndr) l’ha saputo lui. Lui e la figlia lo sanno parlando con lui…”. Consoli manifesta il proposito di chiedere un incontro direttamente con il premier, saltando la figlia.

Un’ora dopo chiama Boschi, ma non ottiene un impegno per l’appuntamento con Renzi. Il padre del ministro è preoccupato per Etruria, che una settimana dopo sarà commissariata a sorpresa dalla Banca d’Italia. Consoli accenna alla possibilità di una fusione in extremis per salvare le rispettive banche. Boschi chiude la discussione così: “Domani in serata se ne parla, io ne parlo con mia figlia, col presidente domani e ci si sente in serata”. Sui ricordi di Consoli si apre una curiosa discussione in commissione, qualcuno ipotizza che Boschi millantasse la sua influenza su Palazzo Chigi. Consoli ha capito solo che, nelle denegata ipotesi che a casa Boschi ci si occupasse di banche, certo non ci si dannava per la sua Veneto Banca . “Dopo quella telefonata non ho più sentito né padre né figlia”.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Lo sberleffo

Il Pd e gli sms nella manica

Periodicamente rispuntano, ma non si sa mai attraverso quale manica: meno di un anno fa era stato proprio il Pd a puntare il dito contro Michele Emiliano che allora era in corsa con il Pd. L’sms, il messaggino che il governatore della Puglia mostrò al giornalista del Fatto Quotidiano, Marco Lillo, per spiegare la sua posizione era quello in cui il ministro Luca Lotti – all’epoca sottosegretario alla presidenza del Consiglio – lo invitava a incontrare il faccendiere Carlo Russo, amico del padre dell’allora premier Matteo Renzi, Tiziano. Sms che rese Emiliano testimone nell’inchiesta Consip (la Procura acquisì i messaggi, ricevuti da Emiliano nel 2015). “Se riteneva quegli sms penalmente rilevanti, avrebbe dovuto consegnarli in Procura e non a un giornale” fu uno dei ritornelli più ripetuti in quel periodo. Oggi, però, gli sms tornano utili: la sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, ne sdogana uno a Otto e mezzo per difendersi da quanto detto dal presidente Consob: “Venne a Milano per parlarmi della banca”, Giuseppe Vegas. Rapida, la sottosegretaria tira fuori l’sms nella manica: “Voleva vedermi a casa sua. Ho il messaggio”.

Politica

Arrivare a Consob via Verdini, il Nazareno

Politica

Non solo Renzi, il governo salva il soldato Boschi

Politica
Gli appelli di Md e Anpi

“Sos Europa”. “M5S non voltatevi”

L’ispezione che mette Riace fuorilegge partì col duo Renzi&Alfano
Politica
integrazione - Irregolarità denunciate già nel 2016

L’ispezione che mette Riace fuorilegge partì col duo Renzi&Alfano

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×