» Politica
venerdì 13/04/2018

Consip, perché Matteo Renzi non smonta il movente di Luca Lotti

Strategie di difesa - I legali del ministro puntano sulla scarsa simpatia fra il dirigente e il fiorentino del Giglio magico

La Procura di Roma ieri ha fatto uscire una smentita alle indiscrezioni sull’interrogatorio di Matteo Renzi: “I virgolettati apparsi oggi sui quotidiani, relativi al contenuto dell’esame del senatore Matteo Renzi, sono frutto di operazioni di fantasia”. Secondo gli inquirenti, inoltre, anche le “restanti parti del contenuto dell’audizione sono frutto di illazioni che portano in larghissima parte a conclusioni non corrispondenti al vero”.

I quotidiani avevano riferito il senso delle sommarie informazioni di Matteo Renzi (alcuni riportando addirittura i virgolettati e altri senza) rese come testimone nelle indagine contro Luca Lotti. L’ex premier avrebbe (il condizionale è d’obbligo non essendo depositato il verbale) smussato le sue precedenti dichiarazioni, rese agli avvocati e non ai pm, sulla scarsa simpatia tra Luca Lotti e Luigi Marroni.

I difensori del ministro Lotti (indagato per rivelazione di segreto e favoreggiamento in quanto accusato da Luigi Marroni di avergli spifferato l’esistenza di indagini e intercettazioni sulla Consip) avevano ascoltato nell’ambito delle loro indagini difensive l’ex premier e avevano depositato il suo verbale. Renzi nel verbale reso alla difesa avrebbe confermato la tesi di Lotti sulla scarsa simpatia tra l’allora sottosegretario alla presidenza Lotti, nominato nel 2014 e Luigi Marroni, nominato al vertice di Consip nel giugno 2015. Il verbale era stato depositato dalla difesa di Lotti al fine di rendere meno credibile la versione del grande accusatore. Marroni ha raccontato ai pm di Napoli a dicembre 2016 e poi a quelli di Roma nel luglio 2017 di avere saputo dell’esistenza delle intercettazioni proprio da Lotti. Tesi confermata in faccia a Lotti stesso quando c’è stato il confronto tra i due, con l’aggiunta del particolare della data e del luogo dell’incontro: 3 agosto 2016 a Largo Chigi.

Per ribattere all’accusa, Lotti, secondo i resoconti dei quotidiani, avrebbe descritto i suoi pessimi rapporti con Marroni. Lo scopo era duplice: rendere poco credibile una soffiata in favore di un “non amico” e poi far balenare un possibile movente delle accuse false di Marroni; il manager sapeva che Lotti non lo sopportava ed era stato contrario alla sua nomina in quanto lo considerava un uomo del governatore della Toscana Enrico Rossi.

Per quale ragione dunque – è la tesi difensiva di Lotti, condivisa da Renzi – il braccio destro di Matteo avrebbe dovuto mettere a rischio la sua fedina penale e la sua carriera per un soggetto che non stimava e che non era suo amico?”.

Ecco l’importanza del secondo verbale di sommarie informazioni pubblicato ieri dai quotidiani ma smentito dai pm: Renzi nell’audizione di giovedì scorso avrebbe smussato le sue precedenti parole sulla “contrapposizione” tra il manager e il ministro. Si tratta però di una tempesta in un bicchiere d’acqua. Cosa può spostare la questione dell’inimicizia tra Lotti e Marroni nel caso Consip? La Procura avrà ragione sulle imprecisioni dei quotidiani ma il senso della questione non cambia.

Matteo Renzi davanti ai pm non ha potuto sostenere che i rapporti tra Lotti e Marroni erano pessimi perché l’avvocato Luigi Ligotti, che affianca e consiglia Luigi Marroni, aveva già annunciato di potere documentare i loro cordiali rapporti mediante le email scambiate tra i due. Inoltre la questione è davvero irrilevante. La domanda retorica che Matteo Renzi e Lotti usano come un’argomentazione contro ogni accusa penale o politica sul caso Consip, in fondo è facilmente smontabile. Quando Lotti e Renzi si chiedono retoricamente: “Che interesse poteva avere Lotti a informare delle indagini una persona che non gli era amica e che non stimava come Marroni?”. La risposta potrebbe essere: se Lotti ha avvertito davvero Marroni delle intercettazioni non lo ha fatto certo per salvare Marroni ma per aiutare Tiziano Renzi. Si può sostenere che Marroni menta e che Lotti dica la verità. Quello che non si può sostenere è che la ricostruzione di Marroni non abbia senso.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Pachino contro i clan

Sicilia, tutti in piazza dopo le minacce al cronista Borrometi

Una marcia per la legalità dopo le minacce di morte al giornalista Paolo Borrometi. A Pachino (Siracusa) hanno partecipato al corteo rappresentanti delle istituzioni, forze dell’ordine, scuole, associazioni, parrocchie e imprenditori. Organizzatori della manifestazione il Comune e il consorzio di tutela pomodoro Pachino Igp. Una risposta all’attentato che era stato pianificato contro Borrometi e agli episodi criminali che hanno colpito aziende e commercianti nelle ultime settimane. La marcia è partita dalla sede dell’azienda Fortunato srl che a marzo ha subito un attentato incendiario per poi attraversare le strade della città. A margine dell’evento la giunta comunale ha approvato simbolicamente il protocollo di legalità che rafforza i controlli per evitare infiltrazioni criminali nelle gare d’appalto e le procedure di affidamento dei servizi. Il consorzio di tutela ha invece approvato il “codice etico”, mentre i commercianti si sono impegnati a denunciare tentativi di estorsione dai clan criminali. “Questa marcia è un punto di partenza, non di arrivo – dice il sindaco Roberto Bruno – la città ha dato una fondamentale testimonianza di reazione civile”.

Politica

Blitz nell’ultimo Consiglio: soldi a pioggia sulla Privacy

Politica

“Volevo fare il giudice, noi siamo vittime”

“Benetton chi?”. Il gruppo sparisce da giornali e tv
Politica
Media e potere

“Benetton chi?”. Il gruppo sparisce da giornali e tv

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×