Consip, “manipolati” due atti Romeo non accusò Tiziano

Indagato - il capitano del Noe Scafarto: “Nelle trascrizioni ha attribuito all’imprenditore l’incontro con Renzi senior, ma era Bocchino”. Falsa anche l’interferenza dei Servizi segreti
Consip, “manipolati” due atti Romeo non accusò Tiziano

“Renzi l’ultima volta che l’ho incontrato…”. Quando il Noe dei carabinieri scrive il capitolo 17 dell’informativa del 9 gennaio scorso finita agli atti dell’inchiesta Consip non ha dubbi: questa frase, attribuita ad Alfredo Romeo, “consente di inchiodare alle sue responsabilità Tiziano Renzi” perché dimostrerebbe che il padre dell’ex premier ha incontrato l’imprenditore ora in carcere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.