Confindustria: due volti, un programma. Divisi solo sulla “discontinuità”

I candidati per la presidenza hanno le stesse idee quasi su tutto, divergono solo sul futuro dell’organizzazione e sull’appoggio al governo (Boccia)
Confindustria: due volti, un programma. Divisi solo sulla “discontinuità”

Uno dice: “Ci vuole discontinuità”. L’altro ribatte: “Non userò mai la parola discontinuità, è irrispettosa verso chi ci ha preceduto”. L’analisi dei programmi presentati da Alberto Vacchi e Vincenzo Boccia potrebbe fermarsi qui: la discontinuità è, infatti, il punto che maggiormente distingue i due aspiranti alla presidenza di Confindustria. Per il resto, più analogie che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.