Concavi e convessi, la geometria secondo Escher

In mostra oltre duecento opere dell’artista olandese, divise in sei sezioni C’è anche l’Italia: dalla Sicilia al Colosseo, uno sguardo diverso sul Grand Tour
Concavi e convessi, la geometria secondo Escher

Per Maurits Cornelis Escher la bellezza è la deflagrazione dell’equilibrio e la ricerca di una prospettiva altra. Ciò detto, non è tuttavia facile definire l’arte del maestro dell’incisione, nato nel 1898 a Leeuwarden, e scomparso nel marzo 1972. Ottimamente riuscita è l’opera di Marco Bussagli e Federico Giudiceandrea, curatori dell’esposizione dedicata a Escher a Palazzo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.