» Primo Piano
mercoledì 06/07/2016

Corruzione Roma, il progetto della cricca: “Con il loro software volevano controllare i pm”

Secondo gli inquirenti gli indagati volevano estendere a tutte le Procure il programma informatico in uso a Roma: così avrebbero potuto accedere a dati riservati

Adesso sto facendo delle verifiche in Procura tramite Gianni Nastri”, dice l’imprenditore Danilo Lucangeli, “per verificare come è attenzionato, perché lui lo può vedere questo su Roma e solo dopo si potrà procedere…”. Siamo nel gennaio 2015, quando i finanzieri del Nucleo speciale valutario s’imbattono in un progetto che, se diamo credito alle parole di Lucangeli, potrebbe rappresentare – e forse già rappresenta – un rischio devastante per il sistema giudiziario. Gli imprenditori legati a Raffaele Pizza vorrebbero implementare le Procure di tutta Italia con il loro sistema di informatizzazione degli archivi, il Tiap, già in uso alla Procura di Roma. E così gli investigatori guidati dal generale Giuseppe Bottillo annotano: “Meritevoli di attenzione le affermazioni di Gianni Nastri, allorché, a margine della spiegazione ai presenti delle modalità di funzionamento di Tiap, attualmente in uso presso codesta Procura, evidenzia anche criticità di gestione del sistema, in termini di riservatezza degli atti, posto che lo stesso recepisce e controlla anche atti riservati, in quanto afferenti la fase di indagine preliminare…”.

In altre parole gli investigatori avvertono la Procura di Roma del pericolo insito nelle frasi dell’imprenditore Lucangeli, intercettato nel gennaio 2015, “che asserisce di poter fare dei controlli in Procura della Repubblica tramite Gianni Nastri, in quanto in grado di accedere ai fascicoli giudiziari”. Gli investigatori sottolineano che il personale della Siline Spa, della quale Nastri è legale rappresentante, “è presente presso codesti uffici giudiziari per la gestione del sistema Tiap”. Il “progetto dei progetti”, però, era quello di estendere il Tiap all’intero ministero della Giustizia, dal quale amministrativamente dipendono le Procure, e a questo fine si scopre che viene interessato al progetto un esponente della segreteria nazionale del Pd, Ernesto Carbone che, sostiene Lucangeli, se ne occupa “verificandone la validità presso la Procura della Repubblica di Roma”: “Dovremmo immaginare qual è il percorso politico commerciale per far sì che più velocemente possibile riusciamo a far si che la Presidenza del Consiglio faccia questo decreto ministeriale per il riuso del software Tiap… di soluzioni tecnologiche innovative, perché di fatto quel software di proprietà del ministero di Giustizia è già in uso sulle Procure più importanti… è già stato validato da Ernesto Carbone”. Gli investigatori verificano che la Skymedia di Lucangeli “risulta titolare di un applicativo gestionale, definito Exisquer in grado di integrare il funzionamento di Tiap”.

Il sistema è peraltro già proprietà del ministero della Giustizia. L’obiettivo era quello di “implementare il sistema” e “divenire fornitori esclusivi della P.A. dei servizi legati alla gestione di tale sistema”. Essendo fornito gratuitamente, l’obiettivo economico era la gestione. E anche in questo caso affiora “la sfera di influenza di Pizza, quale promotore, per conto dei citati due imprenditori, di attività lobbying”.

Tra i personaggi in contatto con Pizza si contano Roberto Rao, consigliere economico dell’attuale ministro della Giustizia, Gianni Di Pietro, ex deputato Pd, Agostino Ragosa ex direttore dell’Agenzia per l’Italia Digitale, Massimo Sarmi ex ad di Poste, e gli imprenditori Guglielmo Boschetti – considerato dai finanzieri “implicato in varie inchieste giudiziarie legate alla P4” – e Antonio Cannalire ex braccio destro di Massimo Ponzellini ex presidente della Bpm, entrambi sotto processo a Milano.

“Pizza e Lucangeli” ipotizzano “una riunione operativa” anche con Nastri “per definire il percorso che riguarda “Csm, Procure, Ministero della Giutizia e Agenzia digitale”.

“Lucangeli – annota la Gdf – dice che per il progetto da attuare con il ministero di Giustizia, ha parlato sia con Hp che con Engineering, entrambe grandi società esperte nel settore della distribuzione del software e dice di sapere che Engeneering si è incontrata con Luca Lotti (sottosegretario alla Presidenza del Consiglio) e che è una notizia certa”. Nel febbraio del 2015 vengono registrati contatti telefonici tra Lucangeli, Nastri e Di Pietro per confermare un appuntamento al ministero della Giustizia. Il 12 febbraio, annota sempre la Gdf, Lucangeli si presente in ufficio da Pizza per informarlo dell’esito positivo dell’incontro di Nastri presso il ministero di Giustizia, dal quale si evince la possibilità di poter realizzare il progetto in partnership con la società HP”.

Poi Lucangeli racconta a Cannalire dell’incontro con il consigliere del ministero, Rao: “È andata benissimo…”. Nastri, che diceva di poter controllare i fascicoli, arriva al paradosso di incontrare persino il capo della Procura di Roma Giuseppe Pignatone: “Sono rimasti tutti estremamente entusiasti…”. Poi stando alle intercettazioni ne parlano anche con Giovanni Legnini, “con il vicepresidente del Csm … no… non c’è problema … con una componente del Csm …”, dice Pizza, anche se Lucangeli poi spiegherà che Legnini “ha tenuto a precisare che loro non possono decidere nulla perché sono un ente esterno ed è solo il ministero che ha voce in capitolo”.

Nel frattempo pensano di sondare un concorrente piuttosto ingombrante e, dal tenore della conversazione, sembra che immaginino di coinvolgerlo: “Senti”, dice Pizza a Ragosa, “volevo dire una cosa … ma Carrai c’ha interesse su queste cose di informatica?” “Lui c’ha l’azienda sua …”, risponde Ragosa. “Potrebbe essere funzionale questo discorso?”, continua Pizza, che specifica: “Io ti faccio una domanda di potere … no di cazzo … allora te lo dico io come dobbiamo fare … poi te lo spiego io come va fatta l’operazione … questa è una opzione … un’altra opzione potrebbe essere visto che ci sono…”.

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Primo Piano
Termini imerese

“Uso privato del suo autista”, il sindaco indagato per peculato

Obbligodi presentazione alla polizia giudiziaria per il sindaco di Termini Imerese Salvatore Burrafato e il suo autista, Marino Battaglia. Il provvedimento è stato emesso dal gip. Al primo cittadino sono contestati i reati di peculato, truffa aggravata, falso in atto pubblico e abuso d’ufficio per aver utilizzato, in diverse occasioni, l’auto comunale e le prestazione lavorative del suo autista “per scopi assolutamente personali e in danno dell’amministrazione comunale”. Burrafato avrebbe anche utilizzato alcuni locali comunali per ragioni esclusivamente private. Gli accertamenti hanno permesso “di acclarare l’abituale utilizzo privato del mezzo di servizio da parte del sindaco e delle prestazioni dell’autista, per circa un anno”. Analogamente, l’autista avrebbe utilizzato la macchina di servizio “per ragioni personali, quando non impegnato con il sindaco”. L’operazione rappresenta l’esito di alcuni aspetti di una complessa attività di indagine coordinata dal procuratore Alfredo Morvillo che aveva già portato al sequestro dell’autovettura comunale utilizzata per la commissione dei reati indicati.

Scuola, i pasticci del concorsone

Panico informatico mentre si aspettano i risultati: il concorsone per l’immissione in ruolo dei docenti quest’anno per la prima volta è stato computer based ovvero completamente svolto tramite strumenti informatici, al pc. E proprio in queste ore, tra i docenti di tutta Italia iniziano a girare le prime voci su presunti problemi legati proprio al supporto informatico: confusione tra i codici dei vari candidati, file che non si aprono, richieste di accesso agli atti da parte di chi non si fida dei risultati.

Per la classe di concorso A051 (Scienze agrarie), ad esempio, la Regione Lombardia il 21 giugno ha prima pubblicato gli elenchi degli ammessi alle prove orali e poi, dopo poco più di una settimana, ha annullato le convocazioni. Sui forum dei docenti, circola la spiegazione che gli uffici regionali avrebbero dato a chi avrebbe chiesto spiegazioni: “Il Cineca (che si occupa della struttura informatica ndr) ha sbagliato nell’associazione dei codici delle prove scritte ai nomi dei candidati – spiegano gli insegnanti –. La procedura che hanno inventato dunque si è confermata inadeguata. Ora si prospettano nuove graduatorie, con nuovi inclusi e nuovi esclusi. E chi ha brindato al superamento dello scritto e ha fatto il biglietto aereo per la data dell’orale ora dovrà buttarlo via”.

Poche ore dopo la pubblicazione della notizia sui forum e sul sito Fq Insider, sul sito Orizzonte Scuola è comparsa la precisazione dell’Usr Lombardia: “Con riferimento all’annullamento in oggetto, relativo alla classe di concorso A51 e comunicato ufficialmente a tutti i candidati interessati il 30 giugno scorso, l’Ufficio scolastico regionale per la Lombardia precisa che non è veritiera la notizia apparsa su alcuni forum online, secondo la quale l’Ufficio stesso avrebbe imputato detto annullamento a un errore commesso dal Cineca nell’associazione dei codici delle prove scritte ai concorrenti. L’annullamento della convocazione di cui trattasi non è connesso in alcun modo al Cineca“.

Una precisazione firmata dal direttore generale Delia Campanelli, che però non fornisce altre spiegazioni sul perché della variazione e dei ritardi.
(Aggiornato al 6/7/2016)

Testatine

Testatina del 06/07/2016

Primo Piano

Postificio Viminale, Pizza e quella lista di papà Alfano

Con la legge Madia più concorsi fasulli
Primo Piano
In Tv

Con la legge Madia più concorsi fasulli

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×