“Con i Falchi di Napoli vi racconto le strade della città oltre Gomorra”

Il figlio di Nino presenta il suo poliziesco: “Un affresco del crimine e di quanto l’uomo sappia essere brutale”
“Con i Falchi di Napoli vi racconto le strade della città oltre Gomorra”

Napoli me genuit. Più che una terra madre, per Toni D’Angelo è una terra “padre”, di quel Nino nazional-pop che sdoganò i neomelodici partenopei dai vicoli degradati all’Olympia di Parigi e al mondo intero. Succedeva prima della “fenomenologia” Gomorra e prima che Scampia assurgesse a luogo d’immaginario collettivo cine/televisivo da prime time seriale. Toni figlio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.