Come fu che il ciglio della politica si fece umido

Breve storia - Dalle “eccezioni” Pertini a Occhetto all’odierna normalità della lacrima in pubblico
Come fu che il ciglio della politica si fece umido

In altri tempi era una rarità. Sandro Pertini che piange davanti alla bara di Guido Rossa, il sindacalista ucciso dalle Br; Achille Occhetto che s’accascia in lacrime sul banco della presidenza alla fine del Congresso che sancì lo scioglimento del Pci. Eventi che facevano epoca proprio perché rompevano un equilibrio socio-culturale condiviso: il politico era […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.