Come e perché appropriarsi del Salone del Libro di Torino

Caro Furio Colombo,non sono torinese ma sono quasi vent’anni che vado a Torino per il Salone del Libro e mi è sempre sembrato un evento bene organizzato, ben riuscito e con una folla grandissima, soprattutto tanti giovani. Trovo l’iniziativa milanese difficile da spiegare in un mondo di imprenditori e di intellettuali, che invece agiscono da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.