Colpo a salve, la tripletta dei Dardenne può attendere

I fratelli belgi hanno già vinto con Rosetta (1999) e L’enfant (2005), ma questa volta la nuova pellicola non aggiunge nulla al loro corpus
Colpo a salve, la tripletta dei Dardenne può attendere

Il triplete può attendere. Potrebbe stupirci la giuria presieduta da George Miller, ma difficilmente La fille inconnue regalerà la terza Palma d’oro a Jean-Pierre e Luc Dardenne. I fratelli belgi hanno vinto con Rosetta (1999) e L’enfant (2005), e per centrare l’inedita impresa seguono la loro consueta ricetta: aderenza ai personaggi, temi sociali, stile senza […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.