Colosseo, indagine sulla grande mangiatoia

Faro dell’Anac su consulenti e collaboratori
Colosseo, indagine sulla grande mangiatoia

Sprechi. Altro che turismo. Denaro agli amici e ai parenti. Appalti senza gare. Procedure ignorate. Trasparenza negata. Così la Soprintendenza speciale per i Beni archeologici di Roma – quella che gestisce il monumento più celebre d’Italia, il Colosseo – ha speso decine di milioni di euro in consulenze discutibili, incarichi spacchettati per stare sotto i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.