Colosseo, il maxi-restauro all’azienda che paga mazzette

Il filo rosso col ministero e i ribassi del 30%. Il Mibact e i 3,5 milioni alla Cobar, finita in un’inchiesta sul museo di Reggio Calabria
Colosseo, il maxi-restauro all’azienda che paga mazzette

Ha pagato il pizzo alla ‘ndrangheta, non ha denunciato i suoi estorsori e non si è costituita parte civile nel processo chiedendo i danni alla cosca De Stefano. Ma il ministero dei Beni culturali le affida uno dei più importanti appalti su Roma: il restauro del Colosseo e il consolidamento delle strutture della parte ipogea. […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.