Coca, rabbia e tronchesi. E il Canaro diventò lupo

30 anni fa alla Magliana la vendetta di un perdente che lavava cani sul suo aguzzino. 7 ore di sevizie, una lucida allucinazione
Coca, rabbia e tronchesi. E il Canaro diventò lupo

C’era una volta – in fondo a un bosco di cemento chiamato la Magliana, borgata di vite in scatola, sotto al cielo vuoto di Roma, nell’anno 1988 – un uomo piccolo, silenzioso e mite che per vivere lavava i cani, ogni tanto si faceva coraggio con un po’ di cocaina e provava ad arginare la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.