Coca-cola, scosse e minacce. A Nogara torna il Medio Evo

Gli operai della logistica continuano a protestare per la carenza di tutele, l’azienda risponde aumentando la vigilanza e minacciando il blocco della produzione
Coca-cola, scosse e minacce. A Nogara torna il Medio Evo

È il più grande stabilimento della Coca-Cola in Europa e, in questi giorni, anche il simbolo del capitalismo più oppressivo e violento. A Nogara, in provincia di Verona, non solo continua lo stato di agitazione dei 45 lavoratori del comparto logistico, ma si sentono anche racconti raccapriccianti: addetti alla sicurezza che usano i Taser su […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.