Claudio Pavone: dalla parte giusta, senza omettere nulla

Lo morte dello storico che seppe far accettare la tesi secondo cui la Resistenza, a cui aderì, fu non solo “guerra di liberazione” dal nazifascismo ma anche “guerra civile”
Claudio Pavone: dalla parte giusta, senza omettere nulla

Coraggio intellettuale e rigore storiografico; fu grazie a queste doti che Claudio Pavone aveva rifondato gli studi sulla lotta partigiana e segnato un’intera stagione del nostro dibattito culturale. Era il 1985 quando, in un convegno a Brescia, aveva presentato per la prima volta la sua tesi: nella lotta armata contro i nazisti, accanto agli aspetti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.