Classe operaia sì ma un po’ confusa

Classe operaia sì ma un po’ confusa

Il titolo della pièce, come il film di Elio Petri del 1971, è La classe operaia va in paradiso, ma è un titolo fuorviante: il testo di Paolo Di Paolo, infatti, si ispira molto “liberamente” allo script originale, frammentandolo e inserendolo in una cornice più ampia, che affastella scene della pellicola ed elucubrazioni del regista […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.