“Cinque giorni sulle macerie, i morti potevamo solo ripulirli”

Vigili del fuoco - Francesco, caposquadra, racconta l’intervento dopo l’ecatombe: “Corpi martoriati, schiacciati: non ti abitui mai”

Ricordo una donna. Erano già passate tre squadre, ma non si capiva dove fosse. Non è che ti dicono: la prima a sinistra. Perdi tutti i punti di riferimento. Così abbiamo seguito le dritte, precise, di un familiare e l’abbiamo localizzata. Questa persona, una signora sulla settantina ormai deceduta, era sotto un cumulo di macerie […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.