Cinghiali e sorci, complici del potere

Mo’ pure i cinghiali. Muovendo da Orte via Monte Mario irrompono a Roma nord in attesa che l’urbe ridiventi palude abitata dai lupi come in una simulazione di Alberto Angela. Ma l’ungulato selvatico, con la sua mole e la sua tendenza a intruppare le macchine, nasconde il reale nume tutelare dell’epoca e del luogo capitolino: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.