Ciarlatani, paramedici e stregoni della morte

Ciarlatani, paramedici e stregoni della morte

“Ciao Germana, ti mando un aggiornamento: il neo non migliora. È ancora più gonfio, sanguina e fa male. Forse non ho capito niente dei segnali che arrivano. E lui peggiora”. Sono le parole che Marina Lallo, una donna di 54 anni scrive al suo medico di base, la dottoressa Durando che per 9 anni l’ha […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.