Ci vediamo da Mario prima o poi (c’è anche Marzullo)

Ci vediamo da Mario prima o poi (c’è anche Marzullo)

La resistibile ascesa di un giornalista andreottiano a grand commis di Viale Mazzini: il nuovo dg (che non ha mai scritto una riga in vita sua) è un fenomenale centro di gravità permanente. Sempre immobile, gli altri girano attorno a lui (Repubblica, Caltagirone, Monti, Letta, Renzi, Gentiloni)

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.