Ci mancava “Vertigo”, tuffo nell’abisso dell’io-trash

Mercoledì notte, Rai3; appare d’un tratto un certo Pino Rinaldi. Mamma mia che impressione. Volto cupo, sguardo afflitto, parole fiammeggianti da padre reverendo. Il programma si chiama Vertigo: siamo oltre Hitchcock, alla scoperta degli abissi dell’anima annidati in ognuno di noi. Giacobbo si aggira tra i misteri dell’universo col sorriso sulle labbra; lo sa di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.